×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 445

In vista delle prossime elezioni amministrative è ripreso il dibattito (vedi CNA della Valdinievole ed alcuni candidati a Sindaco di quel territorio) su una questione che anche per la CGIL ha un suo valore: ci riferiamo all'accorpamento/fusione dei piccoli Comuni.

Bastano pochi numeri per spiegare perché le industrie sono preoccupate dell’effetto-Tasi e più in generale della fiscalità locale applicata ai capannoni: nel 2012 l’Imu a Prato aveva l’aliquota del 7,6%; nel 2013 la stessa aliquota Imu schizzò al 9,6%; quest’anno l’introduzione della Tasi potrebbe riservare altre sorprese.

di Paolo Cecconi *

Un primo confronto fra i tre candidati alla carica di Sindaco a Vernio svoltosi ieri sera a Tv Prato scioglie già ogni dubbio : gli aspiranti a governare Vernio di centrodestra e della lista Vernio in Movimento non conoscono affatto la realtà di Vernio e si basano su pressappochismo e informazioni del tutto inesistenti. 

di Roberto Bartoli*

La proposta attualmente in discussione sulla Tasi prevede che il maggior peso sarà sopportato dalle abitazioni principali classificate A/2 e A/3 (29000 fabbricati su un totale di 45000 sono A/3), mentre A/4 e A/5 andranno incontro a un’esenzione pressoché totale.

di Valerio Bobino*

Il Comitato regionale emergenza sanità (Crest) in Toscana è un comitato di cittadini apolitico ed apartitico che unisce 15 comitati sanitari costituitisi spontaneamente nelle zone periferiche della Toscana e considerate a torto “marginali”, con lo scopo di tutelare il diritto alla Salute sancito dall’articolo 32 della Costituzione.

di Andrea Carobbi Corso*

Al convegno nazionale del Sap ero presente come delegato, insieme ad un altro componente della segreteria, per la provincia di Pistoia .

di Massimo Baldi*

L'articolo 2 comma 3 della legge Del Rio prevede che i comuni delle province limitrofe alle grandi città abbiano facoltà di aderire alle nuove città metropolitane. Questo significa che Pistoia e gran parte dei comuni appartenenti alla nostra provincia avrebbero la possibilità di aderire alla città metropolitana di Firenze.

di Andrea Rovito*

Il COISP manifesta preoccupazione per le parole espresse ieri sulla stampa locale dalla lista civica “Ora”, che, tra le tante “idee”  esposte, prevede di riaprire la casa di riposo di viale Adua, ma con una destinazione diversa da quella assicurata dall’attuale amministrazione comunale (Commissariato e Guardia di Finanza). Pur condividendo l’importanza sociale del progetto di un centro diurno per anziani, promossa dalla lista civica, non possiamo per l’ennesima volta frenare un piano di lavoro già avallato dalla giunta comunale e inseguito da più di vent’anni.

Questa O.S. non può invitare il candidato a Sindaco di quella lista civica a visitare il Commissariato di Pubblica Sicurezza di Montecatini Terme, in quanto non gli compete,  ma crediamo che vivendo lontano dalla città non abbia bene in mente in quali condizioni lavorino i poliziotti di quella struttura e i continui disagi che i cittadini Montecatinesi incontrano quando devono rivolgersi a quell’Ufficio; basti ricordare che non vi è il benché minimo spazio se non in mezzo alla strada ove i cittadini attendono il proprio turno per fare un passaporto, porto d’armi o altre pratiche burocratiche. Potenzialmente agli utenti che si recano al commissariato per qualsiasi necessità, potrebbe capitare di condividere l’ingresso dell’ufficio con persone poste in stato d’arresto o di fermo. Non ci sembra una condizione proprio ottimale.

Il COISP è incredulo, perché meno di due mesi fa il sindaco dr. Bellandi  si dichiarava convinto della realizzazione all’ex casa di riposo della nuova sede del Commissariato e della Guardia di Finanza. Non capiamo come mai ancora oggi vengono esternate queste sbalorditive “idee”. Ci sono ancora incertezze? Sono sorte problematiche che disconosciamo?

Signor Sindaco, cortesemente sciolga ogni dubbio sulla futura e speriamo prossima destinazione della sede del Commissariato e della Guardia di Finanza all’ex casa di riposo Non ci lasci anche Lei con un pugno di mosche, siamo stati tante altre volte illusi, non lo meritiamo.

 

*Segretario  generale provinciale Coisp

di Tiziano Tempestini*

Lo si percepiva sin dalle prime riunioni con i ristoratori che "La Toscana in bocca" aveva tutti i fondamentali per raggiungere buoni risultati sin dall'edizione zero.