Martedì, 06 Marzo 2018 10:54

Elezioni 2018. Hanno perso tutti: cercasi nuovi protagonisti

di Nicola Cariglia*

Al dunque, hanno perso tutti. Il centrodestra, prima coalizione, lontana per voti e seggi dal poter fare un governo, fosse anche con l’apporto di eventuali transfughi.

I 5 Stelle, primo partito, con una buona percentuale ma non quanto sperata e tale da non consentire un esecutivo presieduto da un loro esponente. Il PD ed il centrosinistra che ha subito una disfatta che tale sarebbe stata anche aggiungendo i voti di Liberi e Uguali. Ma la sconfitta non riguarda solo i partiti che nemmeno hanno attaccato manifesti e raramente hanno convocato comizi o riunioni. Al contrario dei media, che hanno svolto una lunga e martellante campagna elettorale: direttamente, attraverso articoli strabuzzanti di messaggi rozzi o subliminali; o indirettamente, con interviste ed inviti nei talk show indecentemente sbilanciati.

Il risultato elettorale, per chi ha profuso tanti mezzi per condizionarlo, è stato decisamente deludente. Non ci sono maggioranze per governi stabili e, dunque, nessuna speranza di politiche in grado di ricompensare gli sforzi profusi per sostenere certi partiti. Insomma, gli elettori si sono liberati in un colpo solo dai vincoli di appartenenza ai partiti e dalla influenza dei media e dei poteri che nella “seconda repubblica” così tanto hanno giocato per incanalare il consenso. E da questo può nascere un po’ di ottimismo per il nostro futuro.

La partita dovrà essere rigiocata quanto prima, possibilmente con una diversa legge elettorale, tenendo anche conto degli impegni più pressanti di politica estera ed economica da affidare ad un governo di transizione.

Ma non sarà sufficiente cambiare le regole del gioco, cioè, la legge elettorale. Anche i protagonisti non potranno essere i soliti. O, se i soliti, non potranno presentarsi nelle stesse condizioni. I Cinque Stelle sono primi come partito ma hanno una presenza non omogenea e sono in difficoltà in alcune regioni, tali da non consentire loro di aspirare al governo. Il Centrodestra, che pure ha conseguito un risultato fino a pochi mesi fa impensabile, non può continuare a coltivare nel suo seno le contraddizioni che lo hanno accompagnato in tutta la campagna appena conclusasi. In particolare per quanto riguarda i temi cruciali dell’Europa e dell’immigrazione, sui quali marcate sono le differenze tra Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia. A maggior ragione se una nuova legge elettorale dovesse avere connotazioni maggioritarie che renderebbero non più eludibile la scelta di un leader capace di rappresentare l’intero schieramento.

Da ultimo, ma non per importanza, il PD ed il Centrosinistra. Non scopriamo da oggi gli errori, principalmente di Renzi, ma non solo, che hanno portato alla cocente sconfitta di oggi. Basta rilevare che la perdita del governo del Paese non è la conseguenza più grave. Più ancora è l’avere ridotto tutto lo schieramento ad un campo minato con rischio di una lunga catena di esplosioni. E la crisi di rappresentanza delle categorie tradizionalmente orientate a sinistra non è nell’interesse dell’Italia, prima ancora che della stessa sinistra. In questa area il risultato del 4 marzo ha avuto conseguenze addirittura disastrose. Urge un rinnovamento epocale, una grande personalità o/e un radicale movimento che porti in breve tempo a smantellare piccole e grandi rendite di posizione per dare vita ad una grande sinistra democratica, pervasa di cultura laica e riformista, che ambisca a candidarsi al governo. Personalmente mi auguro che a tale processo possa partecipare da protagonista anche la galassia laica, liberale e socialista una volta che smetta di guardare esclusivamente al proprio ombelico ed abbia il coraggio di spingersi in mare aperto. L’occasione di parlarne capiterà a breve, in occasione della manifestazione in programma a Livorno per il 24 marzo ad iniziativa di vari circoli e associazioni socialisti. Lo sguardo non potrà non proiettarsi sull’intero campo della sinistra.

* direttore www.pensalibero.it

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.