Giovedì, 08 Marzo 2018 10:11

Le elezioni sono passate. I problemi restano: la crisi del piccolo commercio

di Riccardo Bruzzani *

PISTOIA - Il commercio e, dunque, i consumi interni non agganciano la ripresa. La crisi dei piccoli è eclatante. Nel 2017, sul piano nazionale, 10.000 imprese hanno chiuso: un negozio ogni ora.

Per salvare gli esercizi di vicinato sono necessarie misure immediate di riduzioni fiscali.

A Pistoia i dati anagrafici camerali 2017 riguardanti le imprese confermano quanto la nostra provincia sia in sofferenza complessivamente e particolarmente nel commercio al dettaglio (265 chiusure, contro 148 aperture, -117 unità; -2,9% del tasso di crescita); nella ristorazione con ben 135 aziende chiuse, -3,5%.

Tutti i settori tipici dell’economia della nostra provincia (alimentare, tessile, articoli in pelle, mobili) segnano consistenti tassi negativi di crescita. Il turismo di Montecatini Terme è da anni penalizzato dallo stato di abbandono in cui versano le Terme ed il vero e unico patrimonio rimasto (gli oltre 10.000 posti letto) soffre da anni non di presenze, ma di irrilevanti margini sui ricavi delle imprese alberghiere che azzera le possibilità dei necessari investimenti.

La nostra Montagna corre il pericolo di un costante abbandono. Le piccole imprese pagano pesatamente il profondo processo di cambiamento in essere. Questa è l’amara realtà. Soltanto le Spa e le Srl sono cresciute di circa il 3% nello scorso anno. Pistoia stabilmente è la provincia cenerentola dell’economia Toscana, pur vantando alcune eccellenze (Vivaismo, Hitachi, Pistoia Capitale della Cultura, industrie di trasformazione alimentare, nel manifatturiero, nell’innovazione, ecc.), non in grado però di fungere da distretto e da determinare una crescita della ricchezza e dell’occupazione complessiva, con particolare riferimento a quella giovanile.

E’ ineluttabile il processo d’impoverimento dell’economia? A questa domanda bisogna rispondere. Le istituzioni e la politica sostanzialmente si occupano di altro. Si costituiscono tavoli, si parla a favore o contro la vendita delle Terme, di turismo, di vivaismo, di promozione, di tutto, ma non emerge una strategia per la crescita dei territori. Le associazioni economiche unitariamente hanno elaborato, da un anno, un documento che ha individuato le priorità d’intervento, allo scopo di predisporre un concreto e fattibile piano strategico per la crescita.

Resterà un bisogno inascoltato? Addirittura non ci si mette d’accordo se utilizzare o meno finanziamenti per circa 30 milioni di euro previsti per nuovi impianti sulla Montagna, in un lungimirante disegno di un unico comprensorio dell’Appennino Tosco/Emiliano, con il timore che ci guadagni questo a quella frazione di Comune, la Toscana o l’Emilia. Oppure che la priorità, cosa vera, è la viabilità di collegamento, che però si mette in contrapposizione ai nuovi impianti, mentre è complementare ad essi ed esige scelte fattibili e progetti esecutivi.

Così come lo sfascio delle Terme pare sia cosa di Montecatini, mentre i nostri territori hanno bisogno delle Terme innovate e rilanciate e queste di territori competitivi. Così come Pistoia Cultura e il Vivaismo sono una ricchezza per tutti e l’ammodernamento delle infrastrutture è una necessità decisiva per il turismo e per tutti i settori economici. Parlare di progetto strategico per la crescita non significa fare voli pindarici e astratti. Al contrario è l’unico modo concreto per accedere ai finanziamenti europei e per attrarre capitali privati per gli investimenti. Meglio continuare a operare per distribuire le poche risorse esistenti a pioggia con effetti nulli per l’economia, come del resto i dati citati dimostrano anno dopo anno?

Confesercenti si batte da molto tempo sui temi della crescita e per l’unità del mondo della rappresentanza. L’iniziativa del “Bmday” di Confesercenti alla Cattedrale ex Breda il 19 marzo prossimo va nella direzione del cambiamento, mettendo al centro il tema delle INNOVAZIONI fondamentali per la vita delle piccole imprese.

  

* Direttore Confesercenti provinciale di Pistoia

questo articolo è stato offerto da:


Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.