Venerdì, 16 Marzo 2018 21:37

Serravalle: bilancio coraggioso? La Cna guardi anche i tagli e gli aumenti

di Gianfranco Spinelli*

Casalguidi - Parlare di scelte coraggiose riferito alle opzioni deliberate dalla attuale maggioranza di governa del comune di Serravalle, come fa la presidente di CNA Elena Calabria, mi sembra eccessivo.

Il bilancio comunale è un dispositivo complesso che va letto nel suo insieme. E' sbagliato estrapolare alcuni aspetti per dare giudizi definitivi e pregnanti. Non nego che nel bilancio ci possano essere aspetti positivi, ma non si può definire coraggioso un documento programmatico che toglie servizi e risorse importanti riguardo al sociale: mi riferisco allo sportello migranti,allo sportello casa, importantissimo e con un costo irrisorio, mi riferisco al contributo affitti per le famiglie meno abbienti,tolto completamente.

Bene la Tari ma si tratta sostanzialmente di un riequilibrio fra tipo di utenze. La presidente Calabria, a capo di una così importante associazione, si è accorta dell'aumento sostanziale delle rette degli asili nido? Ma di quale coraggio parla? E degli investimenti non parla: non si vedono opere all'orizzonte.

E poi basta con la mancata entrata della discarica del Cassero. Quella di chiudere la discarica è una scelta programmatica buttata in pasto ai cittadini pur sapendo che il Comune non ha competenze in merito: se la Magistratura, e dopo la Regione, decideranno per la riapertura, il Comune non potrà fare nulla. Quindi per scelta politica, l'attuale maggioranza sapeva che doveva fare a meno di tale entrata, inutile tirarla continuamente in ballo.

Intendiamoci le scelte di bilancio prese in considerazione e non condivise dal sottoscritto sono assolutamente legittime, ed il mio contributo è da considerarsi assolutamente costruttivo.

*ex Assessore comunale

membro del coordinamento di Liberi e Uguali

Serravalle pistoiese.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.