Lunedì, 19 Marzo 2018 17:34

"Abbraccio forte la città di Montecatini, grazie di cuore a tutti. Senza di voi non ce l'avrei mai fatta"

di *Paolo Pieri

MONTECATINI - Eccomi qui! Non ho sufficienti parole per ringraziare le persone per il dimostrato affetto, solo grazie, infinite grazie.

Per quanto mi riguarda ho combattuto, con onore e per quanto ritenevo giusto fare e che farò sempre, solo per istinto, perché non mi piegherò mai di fronte all'ingiustizia, ne di fronte a chi si approfitta degli indifesi. Questo sono io, lo farò sempre e non ho paura di ammetterlo, mi ripeterei all'infinito, anche a costo della mia stessa vita se questa è valsa a salvare i valori in cui credo.

Non mi arrenderò mai e le persone devono fare altrettanto, ribellatevi ad ogni violenza, non patite ingiustizie! Io ci sono e ci sarò sempre, mi spiace per chi ha creduto di abbattermi e di infierire quando ero inerme. Io sono qui, vivo, felice e mai domo! Farò sempre quello che è giusto fare e questo è un avvertimento che certa gentaglia deve temere! Abbraccio forte e con tutto l'amore possibile la città di Montecatini ed ogni singolo individuo che con il suo affetto mi ha dato una simile forza di reagire.

Ringrazio le Autorità che mi hanno assistito, non come tali, ma in rappresentanza di quello Stato in cui credo, quello della gente comune che esige sicurezza e giustizia. Ringrazio il Prefetto, il Questore, il Sindaco, il Comandante della Guardia di Finanza, il Colonnello dell'Arma dei Carabinieri per quanto di umano mi hanno dato, voglio solo raccontare un singolo episodio ad esempio: ero addormentato per i medicinali assunti ed al mio risveglio, ho visto quest'uomo in uniforme che mi teneva le mani, come farebbe un padre con un figlio, era il Colonnello dell'Arma, mi ha ringraziato, senza che in qual momento potessi capire il perché.

Ricordo le lacrime dei miei colleghi che sostenevano la mia famiglia in quei momenti difficili. Ringrazio i miei colleghi che oltre il proprio servizio e dovere si sono attivati a ricercare e catturare i responsabili, siete la mia famiglia. Ricordo e ringrazio tutto il personale dell'ospedale di Pistoia, il 118 che mi soccorso con eccezionale professionalità. Ringrazio Maria Cristina Giuntoli, che quando ero a terra, inerme, so che mi sostenuto, tamponando la ferita ed evitando che il sangue mi affogasse

La lista è lunga, ma quello che è il senso delle mie parole, è grazie di cuore a tutti, ad ogni singolo cittadino, persone che incoraggio ad avere fiducia nell'Istituzione, senza di voi, non ce l'avrei mai fatta! Ho scritto tutto velocemente e d'istinto, spero di essere stato chiaro, perché non intendo correggere nulla. Grazie, grazie e grazie! Ringrazio i miei fratelli Luca Peloso, Leonardo Poli e Cristiano Greco, per l'immediato supporto, ogni singolo che mi ha sostenuto, ringrazio le persone che per qualità e ruolo professionale si sono offerte di curarmi, ringrazio la signora che mi ha lasciato i cerotti in Commissariato.

Ho così tanti grazie da dire che la lista sarebbe infinita, ma il mio desiderio è che ogni singola persona possa recepire e fare suo il sentimento che ho cercato di esprimere. Un abbraccio.

*ispettore capo del commissariato di Montecatini

questo articolo è stato offerto da:


Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.