Domenica, 25 Marzo 2018 17:21

Le promesse della giunta Tomasi e le mezze verità dell’assessore Bartolomei

di Daniela Belliti *

E’ una brutta pratica quella di chi, venendo dopo, promette di fare di più di chi c’era prima: è questo l’approccio della Giunta Tomasi, e in particolare dell’assessore ai Lavori Pubblici Bartolomei che, criticando come pochi gli investimenti sulle strade del Sindaco Bertinelli, promette tanti soldi per le asfaltature.

Ma intanto bisognerebbe dire con precisione quanto è stato fatto prima, per poter misurare poi il grado di mantenimento delle attuali promesse.

In primo luogo, la cifra spesa e la mole di investimento tra il 2013 e il 2016: sistemazione di quattro grandi strade per 248.000 euro (progetto approvato nel 2013 e realizzato nel 2014); sistemazione di 15 strade da 500.000 euro (progetto approvato nel 2014 e realizzato nel 2015); risistemazione di 13 strade, suddivise in due stralci di 500.000 euro l’uno (progetto approvato nel 2015 e realizzato nel 2016); risistemazione di 29 strade cittadine da 1.000.000 di euro (progetto approvato nel 2015 e realizzato tra il 2016 e il 2017); manutenzione straordinaria di 27 strade per 700.000 euro (progetto approvato nel 2016 e tuttora in corso di realizzazione). Se poi ai lavori di bitumatura si aggiungono gli interventi di recupero del sistema fognario e annesso manto stradale (tra cui, rifacimento della Baggio-Poggione, Cassarese, Via del Forramoro) e la sistemazione dei marciapiedi di Viale Italia, la spesa sale di almeno un altro milione e mezzo di euro.

In secondo luogo, gli annunci dell’assessore: e qui la brutta pratica raggiunge l’acme. Infatti, le cinque strade previste ad aprile, nonché il progetto della strada della Collina e la riasfaltatura della Rotonda della Vergine, sono interventi tutti previsti, programmati e in buona parte finanziati dalla Giunta Bertinelli. Basta andare a vedere le delibere n. 65/2016 e n. 159/2017, e il Piano degli investimenti 2017-2019. Per dirla tutta, poi, la Giunta Tomasi aveva pensato di togliere il progetto della Collina – c’è voluta la pressione della Pro loco per tenerlo – , e tuttora la sua realizzazione è condizionata da tanti dubbi e dall’annuncio di tante verifiche tecniche.

Se poi andiamo a ritroso, elencando gli interventi fatti in un anno – quasi, ormai – di mandato Tomasi, ecco cosa scopriamo.

Strada di accesso alla questura nell’area ex Breda: lavori realizzati grazie all’escussione della fidejussione, per inottemperanza della convenzione urbanistica, esercitata dalla Giunta Bertinelli alla fine del 2016. Lavori di via dei Macelli e via dello Stadio (delibere Giunta Bertinelli n. 65/2016 e n. 159/2017). Via Giuseppe di Vittorio (delibera n. 152/2015). Lastricati via XXVII aprile, via Buonfanti, via Tomba di Catilina, via del Fiore, via  della Torre, Ripe del Sale e della Comunità: lavori di manutenzione ordinaria programmati e messi a gara nel 2016. Via dei Mercati (inserita grazie ai residui dei fondi 2016). Altri lavori, che si stanno per concludere, sono stati avviati tutti prima, come Piazza dello Spirito Santo e Sant’Iacopo in Castellare.

Domanda: quando inizierà la programmazione della Giunta Tomasi? Aspettiamo fiduciosi. Anche se dal bilancio appena approvato, le promesse di Bartolomei sono già smentite. Infatti, proprio sulle strade sono previsti 700.000 euro nel 2018, e 0 (zero!) nel 2019 e nel 2020: strano modo di programmare, anzi, mancanza di programmazione.  

Inizieremo anno per anno a contare le risorse sulle strade di Tomasi/Bartolomei, e controlleremo le strade e i chilometri di strada, che auspichiamo vengano scelti sulla base delle priorità tecniche e non degli impegni che l’assessore prende sul suo profilo facebook. Inizieremo a contare, però, a partire dalla seconda metà del 2018. Fino ad allora sarà stato tutto trovato.

* ex vicesindaco del Comune di Pistoia

 

qui vanno inseriti i moduli banner

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.