Venerdì, 05 Ottobre 2018 17:51

Partito Democratico. Valerio Fabiani è la più chiara e assoluta discontinuità

Valerio Fabiani Valerio Fabiani

di Alessandro Giovannelli

Pistoia - Ci sono delle ragioni di fondo che ci inducono a sostenere con forza la candidatura alla segreteria regionale del PD di Valerio Fabiani.

La motivazione essenziale risiede nella sua completa estraneità ai gruppi dirigenti che hanno guidato il partito nell'ultima disastrosa stagione politica. Valerio rappresenta la più chiara ed assoluta discontinuità con la sciagurata esperienza della segreteria di Dario Parrini il quale, senza alcuna assunzione di responsabilità e dando sempre la colpa ad altri, ha condotto il PD ad una serie interminabile di sconfitte per ogni dove, inedite per le forze di centrosinistra a queste latitudini.

Valerio sta giocando una partita coraggiosa e rappresenta l'alternativa ad una classe dirigente autoreferenziale che, tenendo in ostaggio il Partito Democratico, ci ha fatti precipitare in un congresso convocato in fretta e furia, del tutto insufficiente sul piano dei contenuti, ennesima occasione mancata per aprire un dibattito franco sulle numerose cose che non vanno; un congresso, se così si può chiamare, senza politica. Vale a dire una conta. Con conseguenze, stavolta, potenzialmente mortali per il PD toscano e per la possibilità di confermare al centrosinistra, nel 2020, la guida della Regione. Una fretta, quella della maggioranza renziana, dettata dall'esigenza di arginare gli effetti dell'evidente erosione del consenso di cui il partito è vittima. Un'erosione di cui questo gruppo dirigente è, e continua ad essere, in larghissima misura responsabile, con la scelta di mettere in scena l'ennesimo votificio utile soltanto per la conservazione di posizioni di potere e per portare alla imminente edizione della Leopolda, che rischia di apparire come il manifesto della decadenza da basso impero che il renzismo ormai rappresenta, il risultato della rinnovata guida del partito regionale.

Proveremo in ogni modo a guastare la festa. Con Valerio che rappresenta tutto ciò che, nel PD, è davvero differente e radicalmente alternativo a quanto visto negli ultimi anni; che rappresenta la possibilità di aprire una stagione nuova con interpreti nuovi a tutti i livelli. Di fatto qui si apre la partita per la segreteria nazionale, con la candidatura di Nicola Zingaretti, a fianco di Fabiani nella vicenda toscana, che come Valerio rappresenta la volontà di cambiare il PD per tornare a vincere. Lo stesso dovrà accadere a livello locale. Anche a Pistoia c'è bisogno di un congresso in cui progetti politici diversi possano confrontarsi. Il nostro progetto affermerà senza timidezze la necessità di dare al principale partito del centrosinistra, anche a Pistoia, una guida nuova per confermarci forza di governo a livello provinciale e riconquistare poi il governo della città, in un'alleanza democratica e progressista libera da pregiudiziali e interessata solo al bene comune.

Per tutte queste ragioni, prima di ogni altra, ci rivolgiamo a tutti coloro i quali potrebbero tornare a dare fiducia al PD, purché cambi diametralmente strada rispetto a quella intrapresa negli ultimi anni, che ci ha resi un partito incolore, privo di identità, che è andato progressivamente allontanandosi dai bisogni dei più deboli. Un partito chiuso, le cui porte sta a noi aprire – anzi spalancare. In particolare a tutte queste persone, che oggi ci guardano con comprensibile diffidenza, ci rivolgiamo affinché domenica 14 ottobre diano la propria fiducia all'unica proposta di discontinuità in campo, votando Valerio Fabiani.

Adesioni

Marco Pieracci, Simona Querci, Monica Rosini, Daniela Belliti, Chiara Innocenti, Giovanni Sarteschi, Stefano Cecchi, Mario Bonelli, Roberto Allori, Francesco Tamburini, Claudio Giardi, Sandra Bargellini, Mirella Manfren, Stefano Franceschi, Loredana Ricci, Fiorenzo Giovannelli, Leopoldo Andreini, Marcello Mati, Rolando Turchi, Silvana Pellegrini. (In aggiornamento e in ordine di arrivo)

questo articolo è stato offerto da:


Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.