MONTAGNA

Giovedì, 21 Febbraio 2019 16:20

Sagra della polenta dolce a Le Piastre

Saranno consegnati anche i premi Il Ghiacciolo e Il Rampino

LE PIASTRE - Domenica 24 febbraio a partire dalle 15,30, si terrà nella piazza della chiesa di Le Piastre, la tradizionale Sagra della polenta dolce, per ricordare il passaggio del Granduca Leopoldo di Toscana che, fermatosi alle Piastre per riposare, assaggiò questa specialità e l'apprezzò moltissimo.

Insieme alla polenta sarà possibile assaggiare altri prodotti tipici della montagna. E ci sarà anche un premio per i bambini: la più bella mascherina del Carnevale, riceverà un dono.

In occasione della festa, inoltre, verranno consegnati dalla Compagnia dei ghiacciaioli, due premi (il Ghiacciolo e il Rampino), a due figure che hanno valorizzato e portato nel mondo la montagna pistoiese. I premi sono stati istituiti dalla Compagnia “I ghiacciaioli” di Le Piastre, composta da otto uomini originari del paese i cui antenati lavoravano il ghiaccio, i quali ogni anno scelgono alcuni nomi di persone che si sono distinte nella nostra montagna per meriti sociali e culturali; i premiati devono essere di origine “montanina” e attraverso il loro lavoro devono saper valorizzare la cultura delle tradizioni della nostra terra.

Gli scorsi anni sono stati premiati i seguenti personaggi.

Premio “Il Ghiacciolo”:

2005 – Celina Seghi

2006 – Francesco Guccini

2007 – Roberto Catinari

2008 – Mauro Nesti

2009 – Rolando Nesti

2016 – Paride Milianti

2017 – Federico Pagliai

2018 – Giuseppe Gavazzi

Premio “Il Rampino”:

2008 – Vasco Begliomini

2009 – Vasco Vivarelli

2016 – Andrea Begliomini

2017 – Manuela Geri

2018 – Fioravante Pisaneschi

Quest’anno “Il Ghiacciolo” sarà consegnato all’associazione “Amo la Montagna”, associazione della montagna pistoiese che con tanta volontà e impegno riesce a valorizzare il territorio montano, dimenticato da molti ma così ricco di potenzialità e bellezze. La sensibilità e l’attenzione a chi è in difficoltà, dimostrata dall’associazione, ha fatto nascere attività volte al superamento degli ostacoli per bambini con problemi fisici o neurologici attraverso pet-therapy e ippoterapia..

“Il Rampino”, invece, sarà assegnato a Massimo Pisaneschi, per l'assiduo impegno e la sua capacità di prendersi cura del nostro territorio, in particolare del borgo dov'è nato. Il tutto condito da passione, amore e tanto impegno.

Durante la sagra saranno venduti anche “Il Dizionario della lingua piastrese” e l’ultimo arrivato “Il quaderno delle ricette piastresi”, raccolta di ricette tipiche del paese, tramandate di padre in figlio.

questo articolo è stato offerto da:


Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.