NEWS
Mercoledì, 13 Giugno 2018 15:45

Licenziata la maestra che augurò la morte ai poliziotti

Durante un corteo antifascista del 22 febbraio

TORINO – E’ stata licenziata la professoressa torinese che augurò la morte ai poliziotti durante il corteo antifascista del 22 febbraio. La lettera di licenziamento è arrivata dall’Ufficio Scolastico Regionale del Piemonte.

Concluso quindi il procedimento disciplinare per la docente di 38 anni, indagata per istigazione a delinquere, oltraggio a pubblico ufficiale e minacce. ll provvedimento disposto dall’ufficio scolastico licenzia la professoressa a partire dal 1 marzo 2018.

Sul licenziamento il sindacato Cub Scuola ha sottolineato come sia “legittimo avanzare qualche dubbio sulla strenua “salvaguardia dei valori democratici della Repubblica”, visto che nel nostro Stato si permette al leader di CasaPound di rivendicare apertamente l’eredità  del fascismo, mentre si spara con gli idranti su coloro che, in modo magari discutibile, difendono i valori dell’antifascismo  - commenta Cosimo Scarinzi, coordinatore nazionale del Cub Scuola - La professoressa  è stata processata in diretta tv, se la professoressa non fosse stata intercettata dai giornalisti, il caso Cassaro non sarebbe mai esistito. Dal punto di vista sindacale ci preoccupa che il provvedimento amministrativo si confonda con quello penale. Il licenziamento  è una misura spropositata”.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.