PIANA
Giovedì, 14 Giugno 2018 14:07

Le lavoratrici della Pratesi: quell'accordo è solo fumo

Una immagine in piazza Garibaldi, nei momenti "caldi" della protesta Una immagine in piazza Garibaldi, nei momenti "caldi" della protesta foto Image

Esasperazione e sfiducia, mentre vanno a firmare il concordato del loro licenziamento

di Marzio Dolfi

PISTOIA – Le abbiamo incontrate in piazza Garibaldi, sotto la sede dell'Associazioni Industriali. Non hanno certo l'aria rilassata di chi ha appena vinto una lotta che si è trascinata per mesi. Le donne della Defi Pratesi hanno scritto in faccia piuttosto la rassegnazione di una sconfitta, la delusione, l'amarezza, la sfiducia.

Sono lì, con un'altro gruppo di compagne di (dis)avventura che sono salite nelle stanze di sopra, per firmare il concordato.

“Da oggi non esistiamo più – ci ha dice con grande amarezza una di loro – firmiamo il nostro licenziamento e di prospettive davanti a noi ne vediamo davvero poche”.

E la cooperativa Mexis? E le garanzie? E l'accordo siglato? E le assunzioni promesse? “Parole. Parole di cui dobbiamo ancora vedere la consistenza – aggiunge con grande sconforto un'altra – ci hanno solo dato un numero, 15 persone e noi siamo più di 50. Solo un numero a cui fatichiamo a credere”.

Sulle loro facce, prima di andare a sottoscrivere la lettera di licenziamento contro la quale hanno lottato per mesi, si legge una grande esasperazione e la rabbia di chi ancora non riesce a intravedere spiragli. Insomma, sui volti delle protagoniste di questa lotta non si intravede la traccia di nessuna fiducia. Hanno approvato (a maggioranza) l'accordo. Ma non ci credono per niente. Sembra che dietro la cooperativa Mexis ci sia anche il volto del loro vecchio “padrone”: parecchie ne sono convinte e questo non dà loro nessuna fiducia.

La vendita del marchio agli Americani, senza nessuna tutela per chi alla Pratesi ha lavorato da decenni, brucia ancora. Troppo. Queste donne non si scordano i sette mesi di stipendio non pagati. Non si scordano che la storia di molte di loro (la maggioranza) è storia di chi ha e avrà difficoltà a ricollocarsi. Nonostante la professionalità. Nonostrante i problemi che incalzano.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Pubblicita