Contenuto Principale

Illuminazione pubblica e risparmio energetico: ecco cosa cambierà

PISTOIA – Un project financing per la gestione di tutta l’illuminazione pubblica cittadina, volto alla sua qualificazione, efficientamento e risparmio economico ed energetico.

La progressiva accensione di tutti i punti luce, grazie ai risparmi conseguiti in due anni e un programma di installazione di nuovi punti luce su tutto il territorio comunale; la sostituzione tra marzo e aprile 2015 dei lampioni e delle tesate in molte vie e piazze della città storica con lampade a led; un lavoro di “retrofit” con sostituzione, a partire dall’inizio dell’anno, delle lampade di circa cento lanterne a braccio in tutto il centro storico con luci a led; un progetto per una migliore illuminazione di alcuni dei principali monumenti cittadini. Questi, alcuni degli interventi, frutto dell’intenso lavoro svolto in questi ultimi mesi dall’Amministrazione comunale, teso non solo al risparmio energetico ed economico, ma anche al miglioramento  della qualità dell’illuminazione pubblica cittadina, attraverso, tra l’altro, significativi investimenti sull’innovazione tecnologica degli impianti.

 Già ieri la dirigente del servizio lavori pubblici ha firmato la lettera con la quale accoglie la proposta di Toscana Energia Green S.p.A. di redigere, in qualità di  Energy Service Company, un progetto preliminare volto alla realizzazione di interventi di gestione integrata dei servizi energetici, finalizzati al loro efficientamento tramite lo strumento della finanza di progetto. Senza alcun onere o vincolo a carico dell’Amministrazione, cioè, Toscana Energia Green effettuerà un “audit energetico”, ovvero uno studio, sui quasi 11.000 punti luce comunali, fondato sull'elaborazione dei dati di consistenza degli impianti di pubblica illuminazione e dei relativi consumi di energia elettrica.

Al termine di questo studio, Toscana Energia Green presenterà una proposta tecnico-economica che potrà essere fatta propria dall'amministrazione. Sulla base di questa proposta, il Comune redigerà un bando di gara volto ad individuare il soggetto interessato a gestire, nella modalità del project financing, tutta l’illuminazione pubblica cittadina. Questa decisione rappresenta una svolta radicale nella gestione della pubblica illuminazione che permetterà, da una parte di conseguire sensibili risparmi sia per quanto riguarda la gestione e la manutenzione che il costo energetico, e dall’altra di migliorare sensibilmente lo standard qualitativo dei corpi illuminanti, anche con l’investimento in nuove tecnologie.

Dopo il cambio di fornitore dell’energia, a fine 2012, a partire dai primi mesi del 2013 sono stati attivati diversi provvedimenti volti alla riduzione dei costi e dei consumi energetici comunali: si è provveduto ad una razionalizzazione delle utenze e degli orari di accensione dell’illuminazione. Negli edifici comunali si è ridotta l’illuminazione, ove possibile, nei corridoi e nelle zone di passaggio e si è spenta del tutto durante la notte. Si è inoltre spenta l’illuminazione notturna nei giardini chiusi al pubblico e nelle scuole e si è intervenuti sugli orari di accensione degli impianti di condizionamento, razionalizzandoli. Queste misure hanno comportato, nonostante un tendenziale rincaro dell’energia elettrica, una rilevante riduzione dei costi per il Comune, passando da un bollettazione complessiva relativa all’anno 2012, di 3.076.374 euro ai 2.666.122 del 2013. Per il 2014 si prevede un’ulteriore riduzione, stando al dato attuale relativo ai primi nove mesi dell’anno di 1.807.040 euro.

I consistenti risparmi conseguiti finora, hanno già consentito  di tornare ad accendere tutte le luci al meno fino alle 22 in tutte le zone a più alta intensità di traffico, a partire dall’entrata in vigore dell’ora solare, e permettono ora di procedere, progressivamente, con il potenziamento dell’illuminazione pubblica anche nel centro storico e nelle altre zone. Sarà anche possibile per il  prossimo anno prevedere un’estensione dell’illuminazione pubblica, con l’installazione di alcuni nuovi punti luce, in zone che ne sono attualmente sprovviste: a tal proposito gli uffici stanno lavorando alla predisposizione una specifica programmazione.

 All’inizio del nuovo anno, potranno iniziare i lavori per la riqualificazione delle lanterne a braccio della città storica, che saranno modificate con la sostituzione dei vetri e anche del corpo interno degli apparecchi con delle lampade a led. Questo intervento sarà seguito, in primavera, da una più ampia opera di sostituzione con lampade a led di tutti i lampioni e le tesate della città storica, nelle vie Cino, Cavour, Buozzi, Curtatone e Montanara, e altre. Sarà questo un passaggio significativo che servirà ad assicurare una luce più bella in tutta la città storica e un cospicuo risparmio economico ed energetico. Questo intervento prevederà anche degli specifici progetti illuminotecnici, volti a valorizzare alcuni dei più importanti monumenti e piazze del centro, come San Giovanni Fuorcivitas, San Filippo e piazza Gavinana.

 Nei giorni scorsi la giunta ha approvato il progetto preliminare per completare l’illuminazione pubblica nella parte sud di via Ciliegiole, in particolare nel tratto compreso tra l’ingresso al nuovo presidio ospedaliero e l’obitorio. Si tratta di un intervento che verrà attuato nella primavera 2015, di rilevante importanza per la mobilità di quanti frequentano l’ospedale. Nei prossimi mesi gli uffici tecnici del Comune saranno chiamati a redigere il progetto esecutivo e quindi a indire una gara che individui il soggetto chiamato a eseguire i lavori. 

L’installazione dei tredici lampioni sarà finanziata interamente dalla Regione Toscana per un importo complessivo di 50mila euro, ed è un’opera prevista dall’accordo di programma per la realizzazione delle opere connesse al nuovo ospedale di Pistoia. L’intervento prevede la messa in opera di punti luce la cui tipologia ricalca quella dei lampioni già installati per la viabilità di accesso al nuovo presidio ospedaliero, oggetto di recente rifacimento.

Nelle scorse settimane, prima dell’ultima rotatoria in prossimità dell’accesso al pronto soccorso, è stata istituita una nuova fermata dei mezzi del trasporto pubblico locale, mentre all’interno dell’area ospedaliera, in prossimità dell’ingresso principale dell’edificio, è stato installato, con la relativa segnaletica, uno spazio riservato al servizio Taxi. Previsti entro la primavera del 2015 anche interventi di miglioramento della segnaletica stradale sia verticale che orizzontale.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna