Contenuto Principale
Notice
  • There is no category chosen or category doesn't contain any items

Solidarietà e bellezza: apre alla città il Centro Fratelli Carrara

nella foto Gori, Marco Carrara, Bardelli, Paci e Maurizio Carrara nella foto Gori, Marco Carrara, Bardelli, Paci e Maurizio Carrara (foto Alessandro Vivarelli)

di Ilaria Lumini

PISTOIA – Un'idea di bellezza e cura ha preso forma nell'architettura del nuovo centro Fratelli Carrara, secondo edificio del centro Maic di via San Biagio, che ospiterà il servizio di riabilitazione a ciclo diurno dedicato agli adulti diversamente abili.

Un progetto nato nel 2006 e che ha posto il primo mattone nel febbraio 2010, grazie al sostegno di 2milioni e mezzo di euro da parte della famiglia Carrara, il contributo di 1milione e mezzo di euro della Fondazione Cassa di risparmio di Pistoia e Pescia e 300mila euro da parte della Regione Toscana per la realizzazione di una nuova Casa famiglia.

La struttura, ampia e luminosa, è composta da una parete a vetri di mille metri quadrati, che si sviluppa lungo tutto il perimetro dell'edificio, dislocato su un'area verde di 1500 mq, pensata come spazio di relazione e gioco, aperta a tutta la città. Una vetrata come finestra sul mondo a cui si contrappone una riparo intimista, dove sono collocati gli spazi di lavoro e i luoghi di relazione con l'utente e la famiglia, è l'idea caratterizzante della struttura, che raccoglie in un unico abbraccio i ragazzi e gli adulti della Fondazione, grazie ad ambienti protetti per le attività educative, riabilitative e di cura.

Il nuovo centro Fratelli Carrara è stato presentato questa mattina alla presenza del presidente della Fondazione Caript Ivano Paci, il presidente della Fondazione Maria Assunta in Cielo Onlus Luigi Bardelli, i fratelli Marco e Maurizio Carrara , Don Diego Pancaldo del Centro Maic e il team di progettisti composto da Alessandro Mannelli, Riccardo Lombardi, Francsco Sadovsky , Paolo Nerozzi e Giovanni Beccattini.

“Il centro Fratelli Carrara – sottolinea il presidente Luigi Bardelli – è stato portato avanti con la convinzione che per i nostri ragazzi bisognasse fare qualcosa di bello, perchè la bellezza è riabilitativa. Nella nuova struttura è prevista un'ampia zona dedicata all'attività fisioterapica, ampi spazi per la socializzazione, luci e colori che rendono gli ambienti e il Centro stesso, accogliente e all'avanguardia”.

Una struttura costruita e pensata per i ragazzi della Fondazione Maria Assunta in Cielo, che dal 1989 mette a disposizione attività sanitarie e sociali a favore di persone disabili, è il progetto portato a termine dalla Fondazione Caript, dalla famiglia Carrara e da oltre 350 donatori che ne hanno sostenuto la nascita, contribuendo all'acquisto di arredi e attrezzature. Il nuovo edificio, prosegue il presidente Paci, “è il simbolo di una città sociale, dove il volontariato e la cura del prossimo sono la voce di una comunità”.

Bardelli e Paci hanno poi ringraziato la famiglia Carrara che, grazie alla donazione in memoria dei tre fratelli Giuliano, Tullio e Mario, ha permesso la nascita nella nuova struttura riabilitativa per ragazzi disabili.

“Ci sono momenti nella vita – ha commentato Marco Carrara – in cui è importante condividere con gli altri le proprie risorse. La nascita del nuovo centro è un segno di grande e positiva collaborazione fra privati, Fondazione e Regione. Un esempio di collaborazione fra tutte le componenti sociali. Questo centro è nato e voluto per i ragazzi e gli adulti del Maic e per gli operatori e i medici che lavoreranno per loro. E' stata una bellissima avventura che dedico agli utenti e alle loro famiglie”.

Un progetto che non finisce qui, ma che continua con la seconda fase che prevede la ristrutturazione della sede storica della Fondazione di via San Biagio con la nascita di due case famiglia; una piscina terapeutica; spazi riabilitativi per l'età adulta e una struttura per l'accoglienza e cura di persone disabili anziane.

Il nuovo Centro Fratelli Carrara sarà presentato alla cittadinanza giovedì 25 giugno dopo la Santa Messa del vescovo Fausto Tardelli. Alla fine, intorno alle 22, un grande spettacolo di luci e colori animerà l'intera area.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna