LOCANDA ZACCO
Ristorante - Bed & Breakfast 
Basterebbe la posizione di per sé a promuovere a pieni voti la Locanda Zacco. Scendi dall'auto e ai tuoi piedi c'è la bellissima distesa della Valdinievole e la profondità della piana che va verso Fucecchio, Empoli e Firenze. Magnifico. Il resto, dà sostanza alla prima impressione. La locanda si trova nel comune di Marliana, a 800 metri di altitudine e ad una manciata di chilometri da Montecatini, lungo la strada che tagliando boschi e foreste, raggiunge Prunetta per poi inerpicarsi verso Abetone. Un gioiello incastonato in un mare di verde antico, ricco di bellezza e di storia. Come la locanda. Il ristorante, a conduzione familiare, dispone di una sala principale riscaldata in inverno da un caratteristico caminetto e di una graziosa veranda, per una capienza complessiva di circa 60 persone; in estate invece, il giardino esterno permette di gustare le nostre ricette immersi nella naturale tranquillità della montagna, in un ambiente unico e suggestivo. Il menù della locanda varia ogni settimana, seguendo i cambiamenti che la natura offre nelle varie stagioni dell’anno. Menù ricco e variegato. Gli antipasti, oltre ad un’ampia selezione di affettati e formaggi offrono una scelta di terrine calde, con formaggio fuso in forno, abbinati a frutta, verdura e affettati. Le nostre specialità sono le paste fatte in casa: a partire dai tortelli, con ripieni che variano in base alle stagioni (castagne, zucca, funghi porcini etc.), passando per gli spaghetti, maccheroni e tagliolini, senza dimenticare i risotti o le zuppe nei periodi invernali. In Toscana naturalmente non può mancare la carne; filetti di manzo all’Alpina, o con salsa di Chianti, maialino di latte al forno e prosciutto arrosto sono solo alcuni esempi delle proposte che è possibile trovare. Oltre alla ristorazione la Locanda Zacco offre ai suoi ospiti la possibilità di sostare più a lungo, utilizzando una delle camere, così da godere a fondo l’ambiente confortevole e la tranquillità naturale circostante. E le camere sono davvero un tocco di classe.
Stampa
 
LOCANDA ZACCO - Ristorante Bed & Breakfast
Via Mammianese 49 Loc. "Goraiolo" Marliana PT / tel. 0572.698028

Contenuto Principale

di Gilda Diolaiuti*

Dopo anni di discussione la vicenda raddoppio doveva avere necessariamente uno sbocco e sbocco c'è stato; l'esito finale di questa vicenda soddisfa le esigenze di raddoppio della tratta Pistoia/Lucca nel rispetto delle varie realtà della Valdinievole e per questo ringrazio la Regione Toscana che ha ascoltato le esigenze dei nostri territori.

Per Pieve a Nievole la trattativa con RFI non è stata semplice dato che Pieve era al definitivo già nel 2010, ma collaborazione, confronto, impegno e la consapevolezza da parte di tutti gli enti interessati, dell' assoluta necessità del raddoppio della Pistoia – Lucca, ha portato a risultati eccellenti per il nostro territorio. Abbiamo ottenuto la revisione del progetto mantenendo ovviamente l'impianto iniziale ormai definitivo, con nuove opere e la sostituzione del sottovia al Minnetti che tante perplessità aveva creato nei cittadini, con un cavalcavia.

Mi fa piacere apprendere dalla stampa che la Valdinievole comincia a prendere coscienza della necessità di intervenire all' uscita del casello autostradale di Pieve a Nievole oltre che valutare soluzioni per il traffico veicolare a livello di area vasta.

Il tema della sistemazione del “casello autostradale di Pieve a Nievole” e della sua connessione con la viabilità locale trova inizio già con un accordo Stato-Regioni nel 2000 ma ancora non si è ottenuto nulla di conclusivo dopo molteplici variazioni e rielaborazioni progettuali.

Questa Amministrazione da subito ha ripreso in mano la questione che ad oggi sembra sia ferma al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Sono convinta che d'ora in poi i miei colleghi Sindaci della Valdinievole siano con me per chiedere che questo intervento venga realizzato prima possibile e sono anche convinta che si impegneranno fianco a fianco all'Amministrazione comunale di Pieve a Nievole affinché tutte le soluzioni di riordino viario contenute nel protocollo d'intesa del 2010 che vanno a vantaggio della Valdinievole tutta, siano nel tempo realizzate, prime tra tutte, la rotonda all'uscita del casello autostradale e la rotonda all'intersezione tra via Foscolo, via Gentile, via Roma, via Cividale e via Nievoletta, quest' ultima posta a carico del comune di Montecatini nell'accordo stipulato tra Regione Toscana, Provincia, comuni di Pieve, Monsummano e Montecatini terme.

 

* Sindaco di Pieve a Nievole

Pubblicato in Agorà

MONTECATINI - Un ottimo compromesso fra funzionalità dell’infrastruttura e benefici alle imprese.

Pubblicato in News

FIRENZE - Un sostanziale via libera alla progettazione del secondo lotto della ferrovia tra Pistoia e Lucca, per il tratto che va da Pescia a Lucca, mentre per quello da Montecatini a Pescia un tavolo tecnico continuerà a studiare possibili soluzioni.

Pubblicato in Valdinievole

di Francesco Bonvicini

Montecatini - Signor Sindaco Bellandi, mi scuso fin d'ora se mi permetto di scriverle, perché immagino che già ne riceva parecchie ogni giorno e non ha certo tempo di seguire e di rispondere a tutta la corrispondenza.

Pubblicato in Agorà

MONTECATINI TERME - Che fine ha fatto il progetto alternativo al raddoppio ferroviario che il comune di Montecatini Terme aveva chiesto alle Ferrovie di presentare entro il 31 Ottobre?”

Pubblicato in Valdinievole

FIRENZE - "Non mi unirò al coro dei tuttologi, pronti a indicare soluzioni ideali basate su non si sa quali approfondimenti”.

Pubblicato in Valdinievole

FIRENZE - In Toscana non c’è solo il nodo fiorentino dell’alta velocità a far discutere.

Pubblicato in Toscana

di Marcello Paris

PISTOIA - Il raddoppio del binario Firenze Pistoia Lucca sta creando un caso politico e tanta confusione per quanto riguarda l’attraversamento di Montecatini.

Pubblicato in Valdinievole

Montecatini - Sfortunatamente per il consigliere di minoranza Riccardo Sensi, la Giunta comunale non ha né approvato né condiviso alcun progetto sul raddoppio ferroviario.

Pubblicato in Agorà
Pagina 1 di 3