TOSCANA

Venerdì, 15 Marzo 2019 13:17

Firenze, litigio per gelosia finisce a coltellate

Fendente sfiora il cuore e lei finisce in carcere per tentato omicidio

FIRENZE – Un litigio finito con una coltellata, che solo per fortuna non è finita in una tragedia. E' stata una giovane 31enne a sferrarla al fidanzato dopo una scenata di gelosia.
Lei stessa si è resa subito conto della gravità del gesto che aveva compiuto a ha chiamato il 118, dicendo però ai carabinieri che sono intervenuti che il responsabile era stato uno straniero che si era allontanato subito dopo.

Mentre l'uomo 40enne veniva accompagnato in ospedale (in prognosi riservata, ma non in pericolo di vita), cominciavano le ricerche del presunto aggressore. Ovviamente senza esito.

L’attività d’indagine dei carabinieri è proseguita anche sul luogo dell’accoltellamento e, dopo aver rinvenuto all’interno di un cestino della spazzatura il coltello ancora sporco di sangue e ricostruito la dinamica attraverso le dichiarazioni di alcuni testimoni, i militari hanno accertato la responsabilità della donna che, messa davanti all’evidenza, ha confessato il gesto. Per lei arriva dunque l'arresto per tentato omicidio e per simulazione di reato e si aprono le porte di Sollicciano.

Secondo la ricostruzione dei carabinieri i due fidanzati, entrambi fiorentini, in via Vigna Nuova avevano iniziato a litigare a causa di una nuova commessa, assunta nel locale di cui l’uomo è titolare. La discussione si era fatta più accesa dopo che il 40enne aveva ricevuto un messaggio telefonico da parte di una ex ragazza. Le fidanzata aveva cercato di andarsene, ma l'uomo aveva provato a trattenerla afferrandola per un braccio. A questo punto lei, in preda alla rabbia, afferrato un coltello all’interno della propria borsa, ha sferrato un colpo all’altezza del cuore che, fortunatamente, ha lesionato solamente la parte esterna del muscolo cardiaco.

 

questo articolo è stato offerto da:


Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.