VALDINIEVOLE

Lunedì, 18 Marzo 2019 12:37

Dai fontanelli risparmi per oltre 1,5 milioni di euro

L'inaugurazione di uno dei 10 fontanelli della Valdinievole L'inaugurazione di uno dei 10 fontanelli della Valdinievole

In Valdinievole 7,2 milioni di litri di acqua distribuita

PISA - Oltre 7,2 milioni di litri di acqua ad alta qualità distribuita gratuitamente dai 10 impianti attivi; più di 1,5 milioni di euro risparmiati dalle famiglie rispetto all’acquisto di acqua in bottiglia; quasi 193 tonnellate di plastica evitate, equivalenti a loro volta a 443 tonnellate di anidride carbonica e a 385 tonnellate di petrolio altrimenti impiegate nel processo di produzione e trasporto dell’acqua in bottiglia. Dalla Valdinievole arriva il messaggio che un futuro più sostenibile e meno impattante per l’ambiente è sicuramente possibile, anche grazie ai fontanelli. A rendere noti i dati è Acque SpA, gestore idrico del Basso Valdarno, nella settimana dalla Giornata Mondiale dell’Acqua che, come ogni anno, si celebra il 22 marzo.

Il progetto Acqua ad Alta Qualità, condotto da Acque SpA in coordinamento con l’Autorità Idrica Toscana e i comuni del territorio, prevede la realizzazione di punti di approvvigionamento gratuito di acqua potabile. La risorsa erogata è quella normalmente distribuita dall’acquedotto, resa però “immediatamente gradevole” grazie a un impianto che elimina il cloro e che, in sostituzione, potabilizza l’acqua con raggi ultra violetti assicurando al contempo bontà e sicurezza assoluta.

Ma l’obiettivo del progetto è anche quello di mostrare che il consumo dell’acqua di rubinetto, al pari di quella del fontanello, è a tutti gli effetti una buona pratica, perché è una risorsa a disposizione di tutti, pubblica e a chilometro zero, dato che viene dal territorio in cui viviamo. È buona, controllata e garantita dagli oltre 20mila campionamenti annui, dalle analisi effettuate direttamente dal gestore e dagli organismi di controllo.

Gli impianti che in Valdinievole hanno ottenuto più successo nel corso del 2018 sono stati quelli di Massa e Cozzile, Borgo a Buggiano e Lamporecchio ma in generale tutti e dieci i fontanelli risultano essere molto utilizzati con una media di 720mila litri, decisamente superiore a quella del resto del Basso Valdarno (570mila).

 

 

questo articolo è stato offerto da:


Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.